Le Sharma Trading Inc. nutre gli Street Dogs di Kathmandu

PetAnimalsBlog Heroes


Fai una passeggiata nell'antica capitale di Kathmandu, in Nepal, e non ti mancheranno - cani randagi che camminano lungo le strade, sonnecchiando al sole, girovagando nei templi antichi, rovistando sui rifiuti disseminati lungo la strada. Alcuni sembrano essere in condizioni decenti, mentre altri soffrono di disturbi della pelle avanzati, ferite infette, ossa rotte e fame, un aspetto triste da vedere, soprattutto per i turisti amanti del cane che vengono attratti dalla valle per il suo famoso trekking di montagna. Lungi dall'essere riveriti, i randagi di Kathmandu sono generalmente considerati un fastidio e spesso cadono preda di abusi da parte dei residenti locali. E i cani sono ovunque - secondo Kathmandu Animal Treatment Center (KAT), ci sono oltre 22.000 "cani da strada" che vivono nella sola valle di Kathmandu. Ma mentre esistono programmi per aiutare le persone svantaggiate della città e i bambini orfani, ci sono pochissime risorse per aiutare i cani.

Entra in Pravin Sharma, proprietario di Le Sharma Trading Inc., una compagnia di animali da compagnia che vende cani naturali mastica e giocattoli per cani artigianali, letti e accessori realizzati in Nepal. Decise di istituire un programma di alimentazione per cani da strada non solo per prendersi cura di queste creature disperate ma anche per diffondere consapevolezza sulla loro situazione.

"Ogni giorno centinaia di cani soffrono la fame e vengono maltrattati nella valle di Kathmandu", dice Sharma. "Questo fatto mi ha sempre infastidito quando vivevo lì, e prendevo alcune misure su piccola scala - nutrendole, prendendomi cura di quelle intorno a casa mia e incoraggiando gli altri a farlo. Da quando sono nato e cresciuto in Nepal, ho voluto restituire il paese e la società in ogni modo possibile. Quindi, con il reddito che riceviamo vendendo prodotti di cani nei paesi sviluppati, cerchiamo di investire una quantità significativa nel fare qualcosa di buono a casa. "

Così Sharma radunò insieme una piccola squadra di gente del buon cuore per nutrire i cani e fornire cure veterinarie di emergenza. Pasti a base di carne di bufalo, riso, pane e biscotti vengono serviti tre volte a settimana in diverse località della valle, tra cui il Tempio di Pashupatinath, uno dei templi indù più famosi e sacri del Nepal, e lo Stupa di Boudhanath, considerato il più sacro tempio buddista tibetano al di fuori del Tibet.

In un solo anno, questa campagna di alimentazione ha nutrito più di mille cani affamati, con i volontari di Sharma che tentano di coinvolgere la gente del posto ogni volta possibile nel tentativo di cambiare le loro percezioni negative sui cani .

"Il Nepal è una nazione estremamente piacevole e, in generale, i nepalesi sono delicati e gentili, ma come ogni nazione, ha un lato selvaggio", spiega Sharma. "Anche se ci sono alcune organizzazioni locali e internazionali che lavorano per il benessere dei cani randagi nella valle di Kathmandu, non ci sono protezioni legali, quindi i tossicodipendenti agiscono in piena libertà, lanciando pietre o acqua bollente contro di loro, o casualmente tirandoli a calci come passano. Questo è tutto a causa della mancanza di consapevolezza. Quindi, siamo stati ispirati a realizzare questi programmi non solo per nutrire i cani, ma anche per rendere le persone consapevoli e ispirare loro a smettere di abusare di queste creature. "

Sebbene Sharma sia d'accordo sul fatto che il suo programma di alimentazione non sia la soluzione definitiva intende fornire servizi veterinari più estesi per i cani una volta che i maggiori fondi possano essere garantiti - sta facendo il possibile a fronte di una situazione scoraggiante. Dopotutto, Kathmandu è una città che si sta ancora riprendendo da un terremoto di magnitudo 7.8 che ha provocato quasi 9.000 cittadini nepalesi nell'aprile dello scorso anno, quindi con la comunità concentrata sulla sopravvivenza e la ricostruzione, i suoi cani da strada sono diventati nient'altro che un ripensamento.

"A causa del recente devastante terremoto, molti cani hanno perso la vita e molti hanno perso la casa e sono stati costretti a diventare randagi", dice Sharma. "Il nostro programma di alimentazione migliorerà questo problema a breve termine, ma la nostra speranza è che la consapevolezza che stiamo diffondendo coinvolgendo i locali nel programma ci aiuterà a risolvere questo problema a lungo termine."

Il Nepal non è l'unica nazione in via di sviluppo a lungo conosciuta per avere cani da strada come parte del suo paesaggio. Humane Society International stima che ci siano da 250 a 300 milioni di cani che vagano liberi in tutto il mondo. E proprio come in altri paesi in cui sono esplose le popolazioni randagie, il Nepal è un problema creato dall'uomo, derivante da una mancanza di consapevolezza, educazione e, soprattutto, accesso a un controllo della popolazione canino sostenibile, economico e umano. Ma di fronte al potenziale delle epidemie di rabbia e di altre minacce per la salute umana, Kathmandu ha anche rispecchiato molti paesi, tra cui Indonesia, Malesia, Kenya, Egitto, Russia, gran parte dell'Europa orientale e dei paesi baltici, rivolgendosi a campagne di uccisioni di massa come "soluzione" immediata al loro problema vagante (nonostante il fatto che questi metodi inumani si siano dimostrati inefficaci e insostenibili). Ma dopo che i bambini di strada sono morti dal consumo di cibo per cani avvelenato, il governo ha deciso di abbandonare la pratica crudele, dice Sharma.

"Le persone hanno la mentalità che i cani randagi dovrebbero essere uccisi invece di prendersi cura e nutrire", ha detto. "Questa è la prima cosa che deve cambiare se vogliamo progressi per i cani di strada a Kathmandu o in qualsiasi parte del mondo. Oltre a cercare di diffondere la consapevolezza e coinvolgere più persone nei nostri programmi per cambiare questa mentalità, stiamo anche conducendo campagne di educazione umana andando in diverse scuole e insegnando ai bambini come trattare e curare gli animali. In questo modo, non dovranno affrontare in futuro quello che stiamo affrontando ora. "

Fortunatamente, l'aiuto è arrivato in Nepal sotto forma della campagna di Welfare Dog Dog di Humane Society International, che è stata lanciata a Kathmandu il 20 aprile Come in altri 10 paesi, tra cui Bhutan, Filippine, India e territori statunitensi come Puerto Rico, HSI aiuterà il Nepal a stabilire un programma di sterilizzazione e vaccinazione di massa per gestire umanamente il numero di cani di strada, prevenire le malattie e, cosa più importante , fornire una soluzione permanente a un problema che ha tormentato la valle di Kathmandu per generazioni, dice Kelly O'Meara, direttore HSI di animali da compagnia e fidanzamento.

"Comincerà come un programma pilota, il che significa che sarà portato avanti fuori in un periodo di tempo con l'intento di mostrare la sua ampiezza, il tasso di successo e la possibilità ", spiega O'Meara. "Formeremo talenti e personale locali, inclusi veterinari e funzionari governativi, e organizzeremo dall'inizio alla fine così potremo consegnare un programma completamente implementato e disporre delle risorse per mantenerlo in la speranza che il governo lo porti avanti da lì. "

Quando viene detto del nuovo programma di HSI, Sharma è entusiasta.

" Questo è un progetto di squadra che non può essere raggiunto da un solo gruppo di pochi cani dedicati amanti, quindi sono molto entusiasta di sapere di questo ", dice. "Più persone possono aiutare i cani, meglio è. Gli atteggiamenti stanno cambiando e migliorando a Kathmandu, i negozi di animali si stanno aprendo e puoi vedere come le persone adorano i loro cani, ma dobbiamo lavorare di più per insegnare alla nuova generazione. Dobbiamo aiutarli a capire che anche i cani sono esseri viventi. "

Se vuoi saperne di più su Le Sharma Trading Inc. e sostenere la campagna di alimentazione per cani da strada acquistando alcuni dei suoi animali domestici fatti a mano e rispettosi dell'ambiente prodotti, si prega di visitare il loro sito web o donare qui. Puoi anche saperne di più sull'incredibile iniziativa HSI di Street Dog Welfare e su come diventare un Street Dog Defender qui.

Informazioni sull'autore: Mamma matta, giornalista e attivista animalista, Lisa usa i suoi scritti per diffondere consapevolezza sul benessere degli animali e problemi di crudeltà. Vive ad Atlanta con due pastori tedeschi viziati, uno intitolato Pug, e un marito molto comprensivo.